Calcio

Calcio – Info

Questo articolo è impostato su tutti i tipi di calcio. Per codici espliciti del calcio e altri usi del timeframe, per trovare Calcio (disambiguazione). Calcio è una famiglia di attività sportive di gruppo che coinvolgono, in molti gradi, calciare un pallone per raggiungere un obiettivo imparziale. Non qualificato, la parola calcio di solito formula la marca del calcio che è la più intelligentemente apprezzata dove la parola è straordinaria.

Attività sportive continuamente conosciute come calcio comprendono l’affiliazione calcistica (identificata come calcio nel nord degli Stati Uniti e dell’Oceania); calcio graticola (in particolare football americano o canadese); Punte di calcio australiane; rugby union e rugby league; e calcio gaelico. Questi un sacco di tipi di calcio parte da molto di misura origini tradizionali e sono identificati come codici calcio.

Ci sono una preferenza per i riferimenti a videogiochi con la palla straordinari, fatiscenti o preistorici giocati in molte parti dell’arena. I nuovi codici del calcio potrebbero forse essere ulteriormente ricondotti alla codificazione di quei videogiochi nei college pubblici inglesi per tutta la durata del 19° secolo. La crescita e l’impatto culturale dell’Impero Britannico permisero a questi suggerimenti del calcio di diffondersi in aree di impatto britannico al di fuori dell’Impero controllato direttamente. All’estinzione del 19° secolo, codici regionali di alta qualità stavano già costruendo: il calcio gaelico, ad esempio, integrò deliberatamente il suggerimenti di straordinari videogiochi di calcio locali con un progetto per costruire il loro patrimonio.

Nel 1888, la Football League veniva fondata in Inghilterra, diventando la prima di molte associazioni di calcio legittime. È vero che nel 20° secolo molti dei tanti tipi di calcio sono cresciuti fino a trasformarsi in alcune delle attività sportive per squadre più apprezzate nell’arena. Parti frequenti L’azione di calciare (dall’alto in basso, da sinistra a imparziale) affiliazione, graticola, football australiano e rugby I molti codici della parte calcistica determinano parti tradizionali e potrebbero forse essere ulteriormente raggruppati in due classi principali di calcio: portando i codici rispettano football americano, football canadese, football australiano, rugby union e rugby league, il luogo in cui la palla viene mossa rispetto alla sfera mentre è tenuta in le armi o lanciate, e calciando codici che ricordano il calcio di affiliazione a nd football gaelico, il punto in cui la palla viene mossa principalmente con le dita dei piedi e il punto in cui si occupa è precisamente limitato.

Suggerimenti frequenti tra le attività sportive comprendono: Due squadre ininterrottamente dalle 11 alle 18 giocatori accaniti; anche alcune diversificazioni che apprezzano meno giocatori accaniti (cinque o più per equipaggio) sono apprezzate in modo intelligente. Una negazione chiaramente definita a un certo livello di cui per giocare. Punteggio obiettivi o aspetti trasferendo la palla all’estinzione della sfera di un equipaggio avversario e in un negato imparziale, o oltre una linea. Obiettivi o aspetti a causa di giocatori accaniti che piazzano la palla tra due pali. L’imparziale o la linea essendo difeso dall’opponente equipaggio.

I giocatori accaniti impiegano il loro corpo più ragionevole per cambiare la palla. In tutti i codici, le abilità tradizionali comprendono il passaggio, il contrasto, l’evasione dei contrasti, la presa e il calcio. [10] Nella maggior parte dei codici, ci sono suggerimenti che vietano la circolazione dei giocatori accaniti fuorigioco, e i giocatori accaniti che segnano un obiettivo imparziale devono posizionare la palla sotto o sopra traversa tra i pali. Etimologia Ci sono spiegazioni contrastanti sulla fondazione di la parola “calcio”. È opinione diffusa che la parola “calcio” (o la frase “pallone da calcio”) si riferisca all’azione del piede che calcia un pallone.[12] Là è una spiegazione diversa, ovvero che il calcio prima di tutti i pezzi si riferiva a una varietà di videogiochi nell’Europa medievale, che erano stati giocati a piedi. Non c’è niente di simile come una prova conclusiva per nessuna delle due spiegazioni.

Passa Cina Il cinese linguaggio sportivo aggressivo cuju ricorda il calcio di affiliazione fresco (calcio),[14] le descrizioni sembrano in una guida della marina databile al II e III secolo a.C.[15] Esisteva per la durata della dinastia Han e forse la dinastia Qin, nel II e III secolo a.C. La versione giapponese di cuju è kemari , ed era sviluppato per la lunghezza della lunghezza di Asuka. Che è stato identificato per essere stato giocato per la durata del registro della corte imperiale giapponese a Kyoto dal 600 d.C. circa. In kemari molti americani stanno in cerchio e calciano un pallone a un altro ancora, facendo un tentativo di non lasciare che la palla cade a terra (molto rispetto per Keepie Uppie).

Pass Grecia e Roma I Passe Greci e Romani sono identificati per divertirsi con molti videogiochi con la palla, alcuni dei quali riguardavano l’utilizzo delle dita dei piedi. Lo sport romano harpastum si ritiene che sia stato adattato da uno sport greco identificato come “ἐπίσκυρος” ( Episkyros)[17][18] o “φαινίνδα” (phaininda),[20] di cui parla un drammaturgo greco, Antifane (388–311 a.C. ) e successivamente richiamato dal teologo cristiano Clemente Alessandrino (c. 150 – c. 215 d.C.). Questi videogiochi sembrano divertirsi come il rugby.[21][20] [22][22][24] Il Il baciatore di bambini romano Cicerone (106–43 aC) descrive il caso di un uomo che veniva ucciso mentre si faceva la barba quando un pallone veniva calciato nel negozio di un barbiere. I videogiochi con il pallone romano conoscevano già il pallone pieno d’aria, il follis.[25][29] Episkyros è riconosciuto come uno dei primi marchi di calcio dalla FIFA.[27] Individui nativi Sono prediletti riferimenti a straordinari, videogiochi con la palla fatiscenti o preistorici, giocati dalle popolazioni indigene in molte parti dell’arena. Ad esempio, nel 1586, i maschi di una nave comandata da un esploratore inglese di nome John Davis, scesero a terra per giocare a football con gli Inuit in Groenlandia.[citation needed] Ci sono resoconti successivi di an Sport Inuit giocato sul ghiaccio, noto come Aqsaqtuk.

Ogni partita è iniziata con due squadre che si sono avvicinate l’una all’altra in tracce parallele, prima di provare a calciare la palla da ogni altra linea dell’equipaggio e poi imparziale. Nel 1610, William Strachey, un colono di Jamestown, in Virginia, registrò uno sport praticato da nativi, noto come Pahsaheman.[citation needed] Pasuckuakohowog, uno sport simile al calcio di affiliazione dei giorni di tendenza giocato tra gli amerindi, era segnalato anche fin dal XVII secolo. Anche i videogiochi giocati in Mesoamerica con palline di gomma dalle popolazioni indigene sono saggiamente documentati come presenti da prima di allora, ma questi avevano più somiglianze con il basket o la pallavolo, e nessun collegamento era stato realizzato tra tali videogiochi e nuove attività sportive calcistiche. Gli indiani d’America nord-orientali, in particolare la Confederazione irochese, praticavano uno sport che si avvaleva dell’acquisizione di racchette per lanciare e prendere una palla scadente; d’altra parte, sebbene sia uno sport di piedi imparziale per la palla, il lacrosse (come viene chiamato il suo nuovo discendente) è allo stesso modo raramente classificato come una marca di “calcio”.[29] Oceania Nel continente australiano molte tribù di indigeni americani giocavano a calciare e catturare videogiochi con palline di peluche che erano state generalizzato dagli storici come Marn Grook (Djab Wurrung per “palla sportiva”). Il primo racconto storico è un saggio della guida del 1878 di Robert Brough-Smyth, Gli aborigeni di Victoria, a un certo livello di cui si dice che un uomo noto come Richard Thomas abbia annunciato, intorno al 1841 a Victoria, in Australia, di aver visto gli aborigeni americani prendere metà del gioco: “Il signor Thomas descrive come il partecipante critico cadrà calciando un pallone fatto con la pelle di un opossum e come altri giocatori accaniti saltano in aria con un progetto per prenderlo”. Alcuni storici si divertono a teorizzare che Marn Grook era una delle origini del tips football australiano.

I Maori in Nuova Zelanda praticavano uno sport noto come Ki-o-rahi composto da squadre di sette accaniti giocatori che giocano su un campo circolare diviso in zone, e con aspetti sicuri da toccando il ‘pou’ (marcatori di confine) e colpendo un ‘tupu’ centrale o un obiettivo.[29] Questi videogiochi e altri potrebbero forse scivolare saggiamente nell’antichità. D’altra parte, le fonti critiche di nuovi codici calcistici sembrano risiedere nell’Europa occidentale, in particolare in Inghilterra. Turco popoli Mahmud al-Kashgari nel suo Dīwān Lughāt al-Turk, ha descritto uno sport noto come “tepuk” tra i turchi dell’Asia centrale. All’interno del gioco, gli americani cercano di assaltare il castello di tutti gli altri calciando un pallone fatto di pelle di pecora.[29] Un dipinto della dinastia Song di Su Hanchen (c . 1130-1160), raffigurante i giovani americani in lingua cinese che prendono la metà cuju Un equipaggio di indigeni americani che prende metà in uno sport con la palla nella Guyana francese Una versione rinnovata di kemari suonato nel Santuario di Tanzan, Giappone, 2006 Europa medioevale e precoce fresca The Heart Ages ha notato un’enorme spinta verso l’alto in riconoscimento del calcio annuale di Shrovetide adatto a tutta l’Europa, in particolare in Inghilterra. Un primo riferimento a uno sport con la palla giocato in Gran Bretagna risale al IX secolo Historia Brittonum, attribuito a Nennio, che descrive “a esultanza dei ragazzi… che prendono il mezzo al ballo”.

Riferimenti a uno sport con la palla praticato nel nord della Francia identificato come La Soule o Choule, a un certo livello in cui la palla veniva spinta da braccia, dita dei piedi e bastoni,[34] datano 12° secolo.[34] I primi tipi di calcio giocati in Inghilterra, nella maggior parte dei casi continuamente noto come “calcio mafioso”, sarebbe giocato nelle città o tra i villaggi vicini, facendo appello a un’infinita preferenza di giocatori accaniti su squadre avversarie che sarebbero in conflitto in massa,[34] che lotta per cambiare un oggetto, che ricorda la vescica gonfia di un animale [33] a particolari aspetti geografici, che ricordano la chiesa degli avversari, con il gioco che prende in negativo l’avvio del negato tra parrocchie limitrofe.[d] Il gioco veniva suonato principalmente per la durata di fiere non secolari serie, che ricordano il Carnevale, il Natale o la Pasqua,[37] e i videogiochi Shrovetide si divertono a sopravvivere alle nuove abilità in una preferenza delle città inglesi (che trovi di seguito).

La prima descrizione dettagliata di quello che era quasi sicuramente il calcio in Inghilterra era data da William FitzStephen intorno al 1174–1183. Ha descritto le attività dei giovani londinesi per la durata della competizione annuale del Martedì Grasso: Dopo pranzo i primi anni di vita complessivi di la città scivola nei campi per costruire un segmento in uno sport con la palla. Gli studenti di ogni college si divertono a divertirsi; anche gli operai di ogni artigianato cittadino portano le palle. Cittadini più anziani, padri e cittadini facoltosi vengono a cavallo per contemplare i loro giovani che gareggiano e per rivivere i loro primi anni di vita indirettamente: potresti forse scoprire le loro passioni interiori arrabbiate mentre contemplano l’azione e farsi prendere dal divertimento che hanno avuto gli adolescenti spensierati.[36] Molti dei primissimi riferimenti al gioco parlano semplicemente di “gioco con la palla” o “prendere metà della palla”.

Ciò rafforza la convinzione che i videogiochi giocati in quel momento non comportassero necessariamente il calcio di un pallone. Un primo riferimento a uno sport con la palla che era senza dubbio il calcio viene dal 1280 a Ulgham, Northumberland, Inghilterra: “Henry… mentre prendeva metà palla. . corse verso David”.[37] Il calcio si giocava in Eire nel 1308, con un riferimento documentato a John McCrocan, spettatore di uno “sport di calcio” a Newcastle, nella contea di Down, accusato di aver accoltellato involontariamente un partecipante di nome William Bernard. [d] Un altro riferimento a uno sport calcistico è nel mercato nel 1321 a Shouldham, Norfolk, Inghilterra: ” [d] durante il gioco a palla mentre calciava la palla, un suo ultimo amico laico… corse verso di lui m e si ferì”.[d] Nel 1314 Nicholas de Farndone, Lord Mayor della City di Londra, emanò un decreto che vietava il calcio nell’extrao francese ordinario dalle classi superiori inglesi dell’epoca. Una traduzione recita: “[f] o quanto c’è un rumore monumentale in città innescato dal trambusto per piacevoli palloni da calcio [another player][41] nei campi del pubblico finale da cui potrebbero forse nascere molti mali che Dio non voglia: articolare e vietare in nome del re, nell’angoscia della reclusione, tale gioco di essere straordinario in città a un certo punto presto.”Questo è il primo riferimento al calcio. Nel 1363, il re Edoardo III d’Inghilterra emise un proclama che vietava “… pallamano, calcio o hockey; corsi e prevenzione dei galli o altri videogiochi indolenti “,[another player] mostrando quel “calcio” – qualunque sia la sua precisa definizione in questo caso – era solito essere differenziato dai videogiochi che attraggono altre parti del corpo, che ricordano la pallamano.

“Calcio” in Francia, 1750 circa Uno sport identificato come “calcio” si giocava in Scozia già nel XV secolo: era vietato dal Football Act 1424 e sebbene la legge fosse caduta in disuso non era più abrogato fino al 1906. Ci sono prove per gli scolari prendere metà in uno sport con la palla “calcio” ad Aberdeen nel 1633 (alcuni riferimenti citano il 1636) che è principalmente una prima allusione a ciò che alcuni amano considerare passare la palla. La parola “passare” nella traduzione più aggiornata deriva da “huc percute” (colpiscilo qui) e più tardi “repercute pilam” (colpisci ancora la palla) nell’unico latino. Non è più determinato che la palla venisse colpita tra partecipanti dello stesso equipaggio. La parola tradizionale tradotta come “imparziale” è “metum”, che in realtà significa il “pilastro ad ogni estinzione del percorso del circo” in un carro romano in fuga. C’è un riferimento a “acquisire build della palla prima di [another player] fa” (Praeripe illi pilam si possis agere) suggerendo che un tempo era consentito occuparsi della palla. Una frase afferma nell’unica traduzione del 1930 “Gettati verso di lui” (Age, objice te illi). Anche il re Enrico IV d’Inghilterra ha fornito uno dei primi usi documentati della parola inglese “football”, nel 1409, quando ha emesso un proclama che vietava la riscossione di contanti per “calcio”.[36][43] C’è anche un racconto in latino dall’estinzione del 15° secolo di calcio giocato a Caunton, Nottinghamshire. Questa è la prima descrizione di uno “sport del calcio” e la prima descrizione del dribbling: “[t]lo sport in cui si erano incontrati per lo sport tradizionale è chiamato da alcuni lo sport del calcio.E’ uno a un certo livello di cui i maschi più giovani, nello sport di campagna, lancia una palla enorme non più lanciandola in aria ma colpendola e facendola rotolare lungo il pavimento, e questo non più con le braccia ma con le dita dei piedi… calciando in direzioni inverse”. Il cronista offre il primo riferimento a un campo da calcio, riportando che: “[42] i confini erano stati segnati e il gioco era iniziato.[37] “Calcio” in Scozia, c. 1830 Altri primati nella m ere medievali e prime fresche: “un calcio”, nel senso di una palla poco che di uno sport, di cui si parlava per la prima volta nel 1486.[twelve] Questo riferimento è in Dame Juliana Berners’ Libro di St Albans. Afferma: “uno strumento tondo determinato con cui suonare … è miglia uno strumento per il piede e poi è miglia calde in latino ‘pila pedalis’, un fotebal.”[rageries de grosses pelotes de pee] un paio di scarpe da calcio era stato ordinato dal re Enrico VIII di Inghilterra nel 1526.